Il maggio dei libri – Presentazione del libro di Antonio Vecchiarelli Napoli na

Sabato 27 maggio 2017 ore 17.30

 Telese Terme – Biblioteca comunale

Presentazione del libro di Antonio Vecchiarelli

Napoli na. Spinte cult di giovani di provincia

Converseranno con l’autore

Esterina Pacelli, bibliotecaria e consulente Beni culturali
Luigi Cielo, storico dell’Arte medievale
Immacolata Brignoli di Brignoli Edizioni

Musiche con Matteo Gaetano

(Immagini di vita napoletana, belle, ritratte dall’autore con naturalezza, rimastegli come sono negli occhi e nel cuore. Le pagine che scandiscono le ore precedenti un concerto di Pino Daniele in Piazza Plebiscito e subito dopo la piazza gremita, il divertente episodio della errata paternità di una canzone e l’invito del cantante alla folla straripante a ‘sta quieta’. Napoli na è la storia di una amicizia, è la storia di un grande amore per Napoli, è la storia di un grande, grandissimo, sentimento per la napoletanità”. Con queste parole, Antonio Vecchiarelli descrive il suo nuovo libro. Si tratta, in sintesi, aggiunge l’autore “dell’amicizia tra Giorgio e Fabrizio, due studenti di ingegneria che è essa stessa costruita sulla base della cultura napoletana che merita di essere additata come modello da tramandare alle nuove generazioni insieme a tutto il resto che deve essere salvaguardato”).

Scheda sull’autore

Antonio Vecchiarelli nasce a Casalduni nella casa cantoniera Anas situata lungo la ex statale 87 ai confini con i comuni di Pontelandolfo e San Lupo. Questa particolarità lo porta ad avere una “identità larga” favorita dalla frequentazione, durante l’infanzia e l’adolescenza, di queste realtà che seppur vicine conservano differenze legate in special modo alle tradizioni. In questo contesto va considerato anche Telese Terme, dove l’autore si è trasferito all’età di quattordici anni e Castel Campagnano, in provincia di Caserta, dove ha abitato in età più adulta e spesso dimora tutt’oggi alla ricerca, soprattutto, di stimoli e spunti per le sue storie. Si laurea all’Università “Federico II” di Napoli” in Ingegneria Meccanica, ma è il giornalismo la sua grande passione. Ben presto, infatti, comincia le sue esperienze nelle radio e tv private, poi la carta stampata, il segmento giornalistico che predilige. Collabora con: La Gazzetta di Caserta, Roma, Il Giornale di Caserta, Il Corriere del Mezzogiorno. Nel 1996 quando “apre” a Benevento “Il Sannio Quotidiano”, lui c’è. Studia ancora, segue corsi e master di giornalismo. Diventa giornalista professionista. Per oltre un decennio guida la redazione di Telese Terme de “Il Sannio Quotidiano”. Nel 2008 la sua poesia “Vita” è inserita nell’antologia edita da Montedit nella collana “Le schegge d’oro”. Nel 2010 con “L’Aquilone” partecipa al premio Internazionale di poesia “Castelvenere – Città del vino”. Vince il premio eccellenza. Nel 2011 pubblica per le Edizioni Melagrana, “oltre una pagina bianca”, la sua prima raccolta di poesie. Nel dicembre 2012 gli è attribuito il Premio Olmo nella sezione Giornalismo – Informazione locale. A giugno 2013 lascia Il Sannio Quotidiano. Dal luglio 2013 collabora con Il Mattino. Il romanzo “napoli na” segna l’esordio nella narrativa.

Il maggio dei libri 2017

L’Associazione Storica Valle Telesina organizza il Maggio dei libri 2017

San Salvatore Telesino – Telese – Faicchio

 

Venerdì 5 maggio 2017 ore 17.30 – S. Salvatore T., Abbazia del S. Salvatore de Telesia
Presentazione dei libro di Giovanni Araldi
“Vita religiosa e dinamiche politico-sociali. Le Congregazioni del Clero a Benevento (sec. XII-XIV)”
Saluti delle autorità
Interventi
Lugi Cielo, storico dell’Arte medievale
Luca Arcari, ricercatore di Storia della Chiesa, Università Federico II di Napoli
Sarà presente l’autore

Sabato 6 maggio 2017 ore 17.30 – Telese Terme, Sala Goccioloni
Presentazione del romanzo di Giulia Di Nola “I segreti di Zefiro”
Saluti delle autorità
Interventi
Angela Maria Pelosi, Dirigente dell’Istituto di Istruzione Superiore “[email protected]
Giovanna Battaglino, ASVT
Partecipazione di Sara Bucci – attrice, Pompea Del Vecchio – Pro Loco Telesia
Sarà presente l’autrice

Sabato 13 maggio 2017 ore 10.00 – Faicchio, Istituto Tecnico per il Turismo
Presentazione dell’”Annuario di Storia, Cultura e varia Umanità 2016 dell’ASVT”
Saluti delle autorità
Interventi
Elena Mazzarelli, Dirigente dell’Istituto di Istruzione Superiore Faicchio – Castelvenere
Jonathan Esposito, conferenza su: Viaggiatori inglesi a Napoli e nella Valle del Titerno

Sabato 27 maggio 2017 ore 17.30 – Telese Terme, Biblioteca comunale
Presentazione del libro di Antonio Vecchiarelli “Napoli na”
Saluti delle autorità
Converseranno con l’autore
Esterina Pacelli, bibliotecaria e consulente Beni culturali
Luigi Cielo, storico dell’Arte medievale
Immacolata Brignoli di Brignoli Edizioni
Musiche con Matteo Gaetano

         I libri sbocciano in maggio                                                      https://www.ilmaggiodeilibri.it/

«Perché se in questo mese la natura si risveglia, lo stesso capita alla voglia di leggere. Il Maggio dei Libri è la campagna nazionale nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile. Inizia a progettare un’occasione di promozione della lettura che si svolga tra il 23 aprile e il 31 maggio. A partire dal 6 marzo potrai partecipare al Maggio dei Libri»

 

       

 

 

                          

Una denuncia netta in difesa delle biblioteche

London, United Kingdom. 4th August 2012 -- A tenage boy explores the "a MAZE me" art installation,made out of 250000 books by Brazilian artists Marcos Saboya.And Gualter Pupo. Royal Festival Hall, South Bank Centre,.London. -- A masive maze "a MAZE me" made out of 250,000 books by Brazilian artists Marcos Saboya and Gualter Pupo has opened in London.The art installation is part of the Festival of the world, Royal Festival Hall, South Bank Centre. London, UK.

Una denuncia netta in difesa delle  biblioteche
Il manifesto – redazione cultura, 28.05.2016
BENI CULTURALI . Dimissioni a catena dopo la recente pubblicazione del bando del Mibact per l’assunzione di 500 funzionari.
Il disappunto da parte del Comitato tecnico scientifico per le biblioteche e gli istituti culturali è arrivato puntuale a fronte della recente pubblicazione del Bando di concorso per funzionari bibliotecari pubblicato ieri sul sito del Mibact.
La questione, interna al concorso per l’assunzione di nuovi funzionari, attiene al numero esiguo di funzionari bibliotecari. Solo 25 saranno infatti i reclutamenti delle unità che interesseranno il settore a fronte dei complessivi 500 posti previsti. Troppo pochi, ovviamente, in un orizzonte che come più volte è stato sottolineato andrebbe  sostenuto e diversamente incentivato. Questa in sintesi è la denuncia che arriva da quattro illustri e autorevoli professori (Mauro Guerrini, Luca Bellingeri, Paolo Matthiae e Gino Roncaglia) che ieri si sono dimessi dal Comitato tecnico scientifico per le biblioteche.

Oltre a non tenere in alcun conto competenze ed esigenze funzionali, come si legge nel breve documento, il bando non rispetterebbe nemmeno «gli scollamenti a oggi esistenti fra quanto previsto dalle nuove dotazioni organiche () e il personale in effettivo servizio nei ruoli di bibliotecario, in base ai quali il reclutamento avrebbe dovuto riguardare almeno una decina di unità in più delle 25 previste». A risultare compromessa è la stessa sopravvivenza delle biblioteche, in verità già claudicanti, soprattutto quelle pubbliche statali, per non parlare di quelle nazionali.
Con il medesimo disagio verso il bando del Mibact, anche Giovanni Solimine, ordinario di Biblioteconomia presso La Sapienza, si è dimesso dal Consiglio superiore dei beni culturali e paesaggistici. La circostanziata lettera inviata ieri al Ministro Franceschini, si chiude con una presa d’atto: «per una questione così rilevante come l’attribuzione di risorse umane ad un settore ormai giunto al collasso (riduzione degli orari di apertura, scarsa accessibilità del patrimonio, invecchiamento delle collezioni, costante abbassamento del livello dei servizi erogati, contrazione dell’utenza e, come conseguenza di tutto ciò, una sostanziale marginalità delle biblioteche statali nel panorama bibliotecario nazionale) non si è ritenuto di usare altri parametri se non quelli aritmetici».
© 2016 IL NUOVO MANIFESTO SOCIETÀ COOP. EDITRICE